Siracusa | Improvvise dimissioni della sovrintendente dell’Inda Valeria Told

Redazione Redazione
Views: 10

Con un comunicato arrivato alle redazioni nella serata di ieri, l’Inda, la Fondazione dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico, ha comunicato le dimissioni della Sovrintendente Valeria Told.

Il comunicato si limita a comunicare le dimissioni, senza spiegarne le ragioni.

“La Fondazione Istituto Nazionale del Dramma Antico comunica che la dottoressa Valeria Told ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di sovrintendente.

Il consiglio d’amministrazione della Fondazione INDA per assicurare senza soluzione di continuità le funzioni di sovrintendente e garantire lo svolgimento della stagione teatrale 2024, ha affidato l’interim al Consigliere delegato Marina Valensise.

Come previsto dallo Statuto della Fondazione INDA, il Cda provvederà a formulare un nuovo avviso pubblico per individuare la terna da proporre al ministro della Cultura in vista della nomina del nuovo sovrintendente”.

È invece la stessa Told a dare qualche elemento in più, in post sul suo profilo facebook, pubblicato quasi in contemporanea con il comunicato della fondazione.

“Cari amici di INDA,

con malinconia vi devo annunciare la mia partenza dalla Fondazione Inda nel Teatro Greco di Siracusa.

Non siamo riusciti a risolvere un aspetto formale legato al mio contratto con il Consiglio di Amministrazione.

Nonostante ciò, guardo indietro con gratitudine per un percorso ricco di esperienze significative. Desidero ringraziare ciascuno di voi – colleghi, artisti e appassionati – per il sostegno e la passione che rendono INDA un luogo speciale.

Lascio con l’entusiasmo i semi per le future stagioni: le edizioni 2024, 2025 e 2026 si prospettano favolose, con titoli e registi che porteranno sul palco la magia e anche lo spirito innovativo che vi ho promesso. Sarete voi ad applaudire e a godere delle prossime stagioni che ho avuto l’onore di programmare.

Ci vediamo presto, sicuramente all’inaugurazione di questa stagione a maggio.

Con affetto e un sentimento di profonda gratitudine, Valeria”.

Valeria Told, per oltre 10 anni direttore generale della Fondazione Haydn di Bolzano e Trento, era stata nominata dal ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano a marzo del 2023.

Dopo meno di un anno, la sovrintendente lascia quindi Siracusa, dove era arrivata succedendo ad Antonio Calbi, che era stato il sovrintendente dal 2018 al 2022.

Le dimissioni della Told, non convincono i consiglieri del partito democratico al comune di Siracusa, che hanno annunciato “la presentazione di una interpellanza urgente al sindaco Italia, in qualità di Presidente del C.d.A. dell’INDA, al fine di fare chiarezza e di spiegare a tutti cosa sia successo e quali siano le motivazioni che hanno portato alla rottura con la sovrintendente Told”.

In un comunicato i tre consiglieri, Massimo Milazzo, Sara Zappulla e Angelo Greco, esprimono apprezzamento per il lavoro svolto dalla sovrintendente.

“La città e le centinaia di migliaia di persone che da ogni angolo del mondo vengono al teatro greco per assistere alle rappresentazioni classiche hanno diritto di sapere cosa è successo da chi rappresenta l’INDA ossia dal sindaco di Siracusa e non meritano di apprendere una notizia così importante da uno scarno post su un social network.

La rottura del rapporto, così improvvisa e peraltro a pochi mesi dall’inizio del prossimo ciclo di rappresentazioni classiche, costituisce un fatto molto grave che getta ombre importanti sulla situazione interna al C.d.A. e che lascia in aria tanti interrogativi e dubbi che il Presidente del C.d.A. deve chiarire al più presto con estrema trasparenza”.

The post Siracusa | Improvvise dimissioni della sovrintendente dell’Inda Valeria Told first appeared on Webmarte.tv – Notizie e informazioni in Sicilia.

Next Post

Siracusa | Insieme chiede un consiglio comunale aperto per l’adesione all’AdSP

A Siracusa cresce il consenso alla richiesta di adesione del porto aretuseo al sistema al sistema dei porti della Sicilia orientale. Dopo la richiesta dei parlamentari siracusani del Pd, Spada e Nicita, che auspicano che la proposta sia inserita già nella legge di conversione del decreto Milleproroghe, i tre consiglieri, […]